Opinione

Diciamo che prende la trama dei videogiochi e la usa come base, anche se molto molto molto alla lontana, inventandosi una nuova protagonista che ci trascineremo nel corso degli anni. In generale comunque non mi è spiaciuto.

Resident Evil

- Advertisement -

La Storia di Resident Evil

La storia ha luogo a Raccoon City, una città immaginaria, sotto la quale si trova un complesso segreto di laboratori di alta tecnologia chiamato “Alveare” (The Hive). Una proprietà della multinazionale Umbrella Corporation, impiegato per ricerche illegali riguardo armi batteriologiche ed ingegneria genetica; gestito da un’intelligenza artificiale, la “Regina Rossa”.

Il laboratorio viene posto in quarantena a causa di un incidente, causato da un uomo in tuta radioattiva di cui ignoriamo l’identità. Il protocollo imposto dalla Regina riguardo la sicurezza, coinvolge anche Alice, la quale sviene a causa di un gas rilasciato nella villa che funge da copertura all’intero laboratorio.

Alcune ore dopo questa riprende conoscenza ma ha perso la memoria e vaga per la villa. Poco dopo viene aggredita da Matt, un finto agente di polizia alla ricerca della propria sorella; nel frattempo sopraggiunge anche una squadra dell’Umbrella, tra cui James “One” Shade, Chad Kaplan, J.D. Salinas e Rain Ocampo. Spiegano che Alice e Spence (ritrovato sul treno per l’Alveare) che sono sposati solo come copertura per lo stesso laboratorio.

L’Alveare si rivelerà in generale piena di spiacevoli sorprese, il virus ha contagiato tutti i dipendenti e le cavie presenti e la Regina Rossa è decisa a non rilasciare nessuno, nemmeno la squadra appena sopraggiunta.

Personaggi principali:

Alice: inizialmente un po’ debole come personaggio, ma una volta riacquistata la memoria, si farà strada all’interno dell’Alveare a suon di calci e colpi di pistola. La giovane infatti lavorava presso la struttura ma con l’unico scopo di sabotarla.

Matt Adison: giovane agente alla ricerca della sorella, altro infiltrata all’interno dell’Alveare.

Spence Parks: altro agente sotto copertura, finto marito di Alice. Inizialmente a sua volta sprovvisto di memoria, alla fine si scopre essere il responsabile del contagio.

Regina Rossa: terribile IA a capo della struttura dell’Alveare, colei che ha preso le precauzioni necessarie per gestire l’entità del contagio.

Informazioni:

Regista: Paul W. S. Anderson

Data di uscita: 2002

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

LE Nostre guideShhhh è un segreto!
Non perderti nemmeno una delle nostre guide!

Dragon Quest 1 NES: Pt.5 Silver Harp e Haukness

Rallegratevi perchè la parte pallosa è finita, ormai l’incubo iniziale che vi costringeva a stare fermi nella zona iniziale e farmare per ora è solo un ricordo.da adesso in poi possiamo andare molto più spediti, non volgio dire che il gioco è sulla via della conclusione ma almeno in lontananza possiamo vedere il traguardo.(Moooooolto in…

Pokemon Verde Foglia: (monoerba) Pt.6 Fucsiapoli

Una volta superato il primo Snorlax, la strada è libera, possiamo proseguire verso sud.Avrete il vostro bel da fare, il percorso è un labirinto circondato da staccionate che conducono inevitabilmente verso una marea di allentori.(Beh sempre un buon modo per fare esperienza, non buttiamo via niente)Dopo il percorso pieno di allenatori, indovinate un po?Un’altro percorso…

Dragon Quest 1 NES: Pt.6 Cantlin

Siamo a buon punto ormai, stiamo andando a salvare l’adorata pricipessa Gwaelin.La povera fanciulla era stata rapita e imprigionata nel covo del drago ma ora è ormai al sicuro.Ci facciamo il tragitto verso il castello con la ragazza in braccio.Una volta arrivati, veniamo accolti dai festeggiamenti e dalla gioia del Re.Colpo di scena, la ragazza…

Pokemon Verde Foglia: (monoerba) Pt7 Isola Cannella

Stavamo per iniziare la pista ciclabile.Visto che partiamo da Fucsiapoli sarà tutto in salita.Questo vuol dire che andremo lenti ma non lenti e basta, lenti come uno Snorlax che cerca di alzarsi dopo il pranzo di Natale.La pista è piena di biker, come sempre cerchiamo di afforntarli tutti per farmare un pò, la battaglia che…