Opinione

Sebbene non abbia una campagna e la trama si apprezzi unicamente tramite i video gentilmente offertici da mamma Blizzard, rimane comunque un buon titolo, con svariati personaggi e modalità di gioco con cui sbizzarrirsi. La nota dolente è che nel corso degli anni il clima è andato un pò a guastarsi a causa degli infiniti aggiornamenti e ritocchi su svariati Eroi ed il fatto che il brand continui a voler ampliare il proprio pubblico, mettendo la community alla mercé dei temuti "senza mani" che oramai dominano in tutto il gioco, rendendo quasi impossibile formare una squadra decente per godersi una partita.

Overwatch

- Advertisement -

Overwatch

Piattaforma di gioco: Microsoft Windows, Playstation 4, Xbox One e Nintendo Switch

Data di uscita: maggio 2016

Genere: sparatutto in prima persona

Produttore: Blizzard Entertainment

Descrizione: 

In Overwatch si giocano partite 6 contro 6 in arene sparse per il globo. Il gioco manca di una campagna in giocatore singolo in quanto è stato specificamente sviluppato per un’esperienza di gioco multigiocatore, e gli unici collegamenti con la lore di gioco sono presenti negli sporadici Eventi Archivi, nei quali, in una modalità PvE da quattro giocatori, vengono narrati e vissuti eventi riguardanti la storia di Overwatch. Esistono tre modalità di gioco più una quarta ibrida.

Conquista: in questa modalità le due squadre si dividono in Attaccanti e Difensori. Sulla mappa saranno presenti determinati punti critici sui quali i Difensori dovranno mantenere il dominio e resistere agli assalti degli Attaccanti, che devono quindi cercare di prendere quei punti. I Difensori dovranno quindi resistere per un tempo limite durante il quale mantenere sotto il proprio controllo almeno uno dei punti, per contro gli Attaccanti in quel tempo dovranno riuscire a conquistare tutti i punti.

Trasporto: in questa modalità una squadra deve riuscire a portare un carico dal punto A al punto B, scortandolo con almeno uno dei propri eroi per farlo avanzare. L’altra squadra quindi dovrà cercare di eliminare tutti gli eroi avversari per mandare in stallo il convoglio. La squadra che deve scortare il carico vince se riesce entro il tempo limite ad arrivare al traguardo, altrimenti avrà vinto la squadra avversaria.

Controllo: in questa modalità le due squadre devono affrontarsi per ottenere il controllo, appunto, di determinati punti della mappa in una partita al meglio di tre, vince il round la prima squadra che arriva al 100% di controllo. I punti di controllo cambiano posizione a ogni inizio round e sono sparsi per la mappa.

Conquista/Trasporto: in questa modalità le squadre si dividono nuovamente in Attaccanti e Difensori. La missione degli Attaccanti è quello di conquistare un punto di controllo per poi scortare per un breve tratto un carico dal punto catturato fino a un altro punto, compito dei Difensori sarà quindi quello di arrestare l’avanzata degli Attaccanti, riuscendo a rallentarli sufficientemente da far scorrere tutto il tempo a disposizione.

Arcade: nella modalità arcade si possono giocare modalità speciali con mappe anche introvabili. Le modalità sono: il Deathmatch, una partita in 12 giocatori tutti contro tutti; i Deathmatch a squadre, in cui si gioca sei contro sei e la squadra che fa più uccisioni vince; le Eliminazioni in cui si gioca a punti, se la squadra che elimina l’altra squadra vince un punto; Cattura la Bandiera, una partita di rubabandiera in cui per vincere bisogna rubare tre bandiere; Caos Totale, una modalità normale in cui tutti i giocatori hanno i cooldown delle abilità dimezzato e la vita raddoppiata; Gravità Zero, una modalità normale in cui non c’è gravità; Nessun Limite, in cui non c’è limite di scelta ai personaggi; Eroi Misteriosi, in cui il gioco ti da un personaggio casuale che cambia alla morte; infine Duello Misterioso, una modalità 1 contro 1 in cui il gioco prende un personaggio a caso a entrambi i giocatori e chi uccide più volte il nemico ha vinto.

Personaggi principali:

Il numero di Eroi con cui si può giocare è in continua evoluzione, di conseguenza ho deciso di introdurre solamente i primi che vennero presentati con il lancio del gioco stesso.

Tracer: il suo vero nome è Lena Oxton, è un ex agente di Overwatch, capace di muoversi nel tempo. La più giovane ad essere stata ammessa nel programma di volo sperimentale, venne appositamente selezionata per pilotare un nuovo prototipo di caccia a teletrasporto integrato, chiamato Slipstream. Durante il primo volo si verificò un’anomali e fu impossibile mantenere il controllo del veicolo, Lena inizialmente fu dichiarata morta.

Soldato-76: un vigilante di cui si ignorano le origini ed il nome. Da diversi anni porta avanti delle missioni personali, il cui fine sembra voler essere quello di far luce sulle sinistre cospirazioni che portarono di fatto alla chiusura di Overwatch.

Widowmaker: in passato era sposata con Gérard Lacroix, uno degli agenti di Overwatch, da sempre nel mirino dell’organizzazione Talon, che voleva assassinarlo. Dopo diversi anni, composti unicamente da fallimenti, decisero di cambiare obiettivo, rapendo la moglie Amelie. Presso la struttura la sottoposero ad un ricondizionamento neurale, modificandone profondamente la personalità, rendendola così la spietata assassina che è oggi.

Reaper: non vi è alcun tipo d’informazione riguardo questo losco individuo, l’unica certezza è che ovunque vada, si porta la morte con sé. Pare essere uno dei migliori agenti Talon, profondamente determinato a cancellare tutto ciò che resta di Overwatch e stravolgere il resto del mondo con attentati terroristici.

Cenni alla storia: 

Il titolo si svolge sul nostro pianeta Terra, ci troviamo nel 2070 circa, sebbene in realtà l’inizio di tutti gli eventi risalga ad una trentina di anni prima: l’umanità aveva fatto notevoli balzi in avanti con la tecnologia, giungendo anche a sviluppare delle autentiche intelligenze artificiali, definiti Omnic.

Trascorso un po’ di tempo, la Omnica Corporation (azienda che aveva costruito gli Omnic e gli Omnium, centri di informazioni che gestivano gli Omnic in tutte le loro fasi) venne costretta alla chiusura per frode. Gli Omnium vennero quindi smantellati ed abbandonati a loro stessi, fino a che non vennero nuovamente riattivati ed infettati da un programma, “Dio”: le unità ripresero a costruire Omnic, ma con lo scopo di combattere gli umani.

Questo portò ad una guerra mondiale, chiamata in seguito “Crisi degli Omnic”: tale conflitto riuscì a concludersi solo grazie ad una nuova organizzazione, Overwatch, un corpo d’elite costituito dai migliori soldati del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

LE Nostre guideShhhh è un segreto!
Non perderti nemmeno una delle nostre guide!

Pokemon Verde Foglia: (monoerba) Pt8 Settipelago e Sabrina

Presa la medaglia da Blaine, veniamo letteralmente rapiti da Bill che ci costringe a seguirlo al settipelago.Si tratta di un nuovo set di isole esclusive di questa versione del gioco e che non erano presenti nelle versioni originali di Pokemon Rosso/Blu/Verde/Giallo.Per proseguire la storia dovremmo esplorare le prime 3 isole e risolvere una specie di…

Dragon Quest 1 NES – Pt.2 Garinham

Eravamo rimasti ai pipistrelli e fantasmi.I 2 nuovi nemici non sono troppo forti ma sanno essere pallosi, in particolare i fantasmi richiedono tra i 3 e 4 colpi per essere uccisi.(Magari evitateli fino a che non salite al livello 4)Farmiamo un’altro pochetto, quel tanto che serve per riuscire finalmente a completare l’equipaggiamento base.Ora abbiamo una…

Dragon Quest 1 NES: Pt.3 Kol

In questa parte della “guida” (non è una vera guida ma più un let’s play per divertirci) ci dedichiamo al farming, tanto c’è poco da fare, bisogna livellare un pò altrimenti proseguire diventa impossibile.Nell’area circostante troveremo dei Magidrakee, sarebbero i pipistrelli rossi, la versione più forte dei pipistrelli base.A dire il vero forse sono anche…

Pokemon Verde Foglia: (monoerba) Pt.5 Erika e Torre Pokemon

Eravamo arrivati al covo Rocket collegato al casinò di Azzurropoli.Come “dungeon” non è troppo complicato, gli allenatori sono abbastanza debolucci e tutti con i classici pokemon da Team Rocket (Ekans, Koffing, Rattata, Zubat, Grimer)L’unica parte in cui bisogna accendere un minimo (ma proprio un minimo eh) il cervello è quella dei pannelli rotanti.Arriviamo davanti al…