Opinione

Un capolavoro, un viaggio straordinario nella psiche contorta della giovane Alice, incapace di ricordare il tragico incidente che pose fine alla vita dei suoi genitori e della sua unica sorella.

Alice: Madness Returns

- Advertisement -

Alice: Madness Returns

Piattaforma di gioco: Playstation 3, Xbox 360, Microsoft Windows

Data di uscita: 16 giugno 2011

Genere: avventura dinamica

Produttore: Electronic Arts

Descrizione: 

Dovremo nuovamente avventurarci nel Paese delle Meraviglie: tuttavia questa volta è quasi completamente in rovina, in parte corrotto ed in parte distrutto dal Treno Infernale.

Alice dovrà affrontare diversi nemici e risolvere svariati rompicapi, addentrandosi sempre più in profondità, nella speranza di riuscire a ricordare.

Personaggi principali:

Alice: la giovane protagonista, costretta a giostrarsi tra il mondo reale e il Paese delle Meraviglie, nella speranza di acquisire nuovamente i ricordi riguardo il tragico incidente nel quale perse gli amati genitori e la sorella.

Dottor Angus Bumby: l’antagonista principale, in primo luogo agisce come psichiatra di Alice dopo che la ragazza ha lasciato il manicomio Rutledge. Gestisce anche un orfanotrofio, di cui segue i pazienti e li cura con l’ipnosi, come fa con la stessa Alice. Infine la ragazza si ricorderà tutto e capirà che è proprio lui che ha assassinato la sua famiglia, oltre che a tormentare i poveri orfani per poi venderli ai pedofili.

Infermiera Witless: ex infermiera del manicomio Rutledge, riesce a far mettere in cura Alice dal dr. Bumby e per questo ricatta la giovane, chiedendole denaro (e minacciando di farla nuovamente rinchiudere).

Balia Sharpe: colei che si è presa cura della piccola Alice dopo la tragica dipartita dei suoi genitori. Attualmente è costretta a prostituirsi, a causa della crisi economica.

Cenni alla storia: 

La giovane Alice è in preda ai deliri, il medico da cui è in cura (il dr. Bumby) le consiglia di dimenticare e di relegare all’oblio tutti i tristi ricordi, ma la giovane non riesce a lasciar perdere. Nel corso del gioco alternerà momenti di lucidità e momenti di follia, in cui appunto ci daremo all’esplorazione delle varie zone nel Paese delle Meraviglie, nella speranza di riuscire a ricordare e di ristabilire un minimo di sanità mentale.

Articolo PrecedenteDoctor Strange
Articolo SuccessivoAnt-Man

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

LE Nostre guideShhhh è un segreto!
Non perderti nemmeno una delle nostre guide!

Dragon Quest 1 NES: Pt.7 Finale

Manca solo la Sunlight Stone (Sunstone).Torniamo al castello di Tantegel, qui per trovare il passaggio segreto dovremmo andare nella zona apribile con le chiavi.Nella zona del mercante ci sarà uno spiazzo nel quale sarà possibile uscire e costeggiare le mura senza però uscire dalla mappa.Continuando verso giù troverete le nostre scalette.(Come location non è facilissima…

Pokemon Verde Foglia: (monoerba) Pt8 Settipelago e Sabrina

Presa la medaglia da Blaine, veniamo letteralmente rapiti da Bill che ci costringe a seguirlo al settipelago.Si tratta di un nuovo set di isole esclusive di questa versione del gioco e che non erano presenti nelle versioni originali di Pokemon Rosso/Blu/Verde/Giallo.Per proseguire la storia dovremmo esplorare le prime 3 isole e risolvere una specie di…

Dragon Quest 1 NES – Pt.2 Garinham

Eravamo rimasti ai pipistrelli e fantasmi.I 2 nuovi nemici non sono troppo forti ma sanno essere pallosi, in particolare i fantasmi richiedono tra i 3 e 4 colpi per essere uccisi.(Magari evitateli fino a che non salite al livello 4)Farmiamo un’altro pochetto, quel tanto che serve per riuscire finalmente a completare l’equipaggiamento base.Ora abbiamo una…

Dragon Quest 1 NES: Pt.3 Kol

In questa parte della “guida” (non è una vera guida ma più un let’s play per divertirci) ci dedichiamo al farming, tanto c’è poco da fare, bisogna livellare un pò altrimenti proseguire diventa impossibile.Nell’area circostante troveremo dei Magidrakee, sarebbero i pipistrelli rossi, la versione più forte dei pipistrelli base.A dire il vero forse sono anche…