“Se sapessimo che è stato così avvincente da rovinare la vita di nostro figlio, non avremmo mai lasciato che iniziassero a giocare a Fortnite.”

Uno studio legale canadese sta preparando una causa legale contro Epic Games, accusando lo sviluppatore di “consapevolmente” creare il “gioco molto, molto avvincente”, Fortnite.

Affidando il caso alla causa 2015 class action contro le compagnie del tabacco che videro la sentenza della Corte Superiore del Quebec determinare che le compagnie del tabacco non fecero abbastanza per avvertire i loro clienti sui pericoli del fumo, Chartrand crede che Epic sapesse che Fortnite era “il più avvincente possibile” e non aveva il dovere di avvertire i giocatori del rischio di dipendenza. Di conseguenza, la sfida legale è “molto centrata sul dovere di informare”.

La nota legale – che è stata depositata per conto dei genitori di due minori, di età compresa tra 10 e 15 – attinge anche alla recente decisione dell'Organizzazione mondiale della sanità di elencare il disturbo da gioco come malattia .

“Nel nostro caso, i due genitori che si sono fatti avanti e hanno detto [us], 'Se sapessimo che è così avvincente che rovinerebbe la vita di nostro figlio, non avremmo mai lasciato che iniziassero a giocare a Fortnite o avremmo lo ha monitorato molto più da vicino “, ha aggiunto Chartrand.

Per giocare, gli utenti devono rinunciare al loro diritto di citare in giudizio la società come parte delle sue condizioni d'uso e invece passare attraverso un arbitrato individuale, ma Chartrand ritiene che i termini del servizio “non reggano in tribunale in Quebec perché la legge sulla protezione dei consumatori della provincia impone alle società di comunicare chiaramente i rischi associati a prodotti o servizi “.

Chartrand non verrebbe attinto da quanto la sua azienda chiede danni e Epic secondo quanto riferito non ha restituito la richiesta di commento della CBC.

Epic Games sta anche affrontando una causa legale in seguito a una violazione dei dati che ha rivelato informazioni personali da milioni di account degli utenti . La violazione dei dati si è verificata nel gennaio di quest'anno, quando gli hacker hanno riscontrato un difetto nel sistema di login di Fortnite, consentendo loro di impersonare i giocatori e acquistare V-Bucks con le informazioni bancarie allegate ai loro conti.

Rispondi