Il gioco si accende, le posizioni in classifica si consolidano. Cosa è successo in questa giornata di European Championship?

Schalke 04 – Misfits
Torna Hans Sama per i conigli, con Doss come supporto ad accompagnarlo (al posto della coppia Neon-H1IVA). Sono però i tedeschi dello Schalke a partire forte, con una grande prestazione iniziale di Trick su Sejuani (10/1/13), capace di premere da subito in corsia centrale ed inferiore, permettendo lo snowball dell’Aatrox di Abbedagge (5/0/14) e della coppia Lucian-Thresh per Upset (8/4/9) e IgNar (2/3/21). La botlane avversaria tenta la risposta, con alcune buone azioni da parte di Hans Sama, per distacco il migliore dei suoi (7/6/2, 100% di kill partecipation su Kai’Sa). Sul resto della mappa però i Misfits non trovano nulla – emblematica la prestazione di Dan Dan, con il suo Vladimir che trova la prima morte al 28′, sbloccando il suo KDA fino ad allora di 0/0/0, arrivando a chiudere 0/3/1, mentre Odoamne risulta molto più attivo con il suo Gangplank, chiudendo 2/1/14. GG S04.

SK Gaming – Vitality
Gli SK sembrano essere riusciti a cambiare stabilmente passo, con un early game lento e controllato ma pulito, per annullare la  solita esplosività degli avversari, che non trovano vantaggio sulle loro corsie. Buona la prestazione di Selfmade su Rek’Sai (1/4/7), sempre in grado di rispondere ai tentativi di aggressione del Lee Sin di Mowgli (2/4/9) su tutte le corsie, riuscendo così ad aiutare il Corki di Jenax a scalare in corsia contro il Sylas di Jiizuke (rispettivamente 7/2/7 e 5/4/6). In corsia inferiore anche Crownshot e Dreams hanno vita facile, con i loro Lucian e Yuumi (3/3/5 e 0/2/13) sempre in grado di mettere in difficoltà gli Xayah e Rakan di Attila (0/2/10) e Jactroll (1/3/8), forse eccessivamente fuori comfort. Nelle fasi centrali i Vitality tentano di accorciare le distanze guidati dal Mordekaiser di Cabochard (6/3/6), capace di gestire Sacre in corsia (5/3/6), ma alla fine il vantaggio degli SK resta troppo marcato e alcune scelte rivedibili dei loro avversari permettono ai tedeschi di ottenere la vittoria e di non perdere la speranza in vista playoff. GG SK.

Fnatic – Excel
Buona partenza dei FNC, che riescono a punire con il solito duo Broxah-Hylissang sui loro Lee Sin e Pyke (4/3/15 e 0/5/11) un Caedrel (Sylas, 4/5/5) troppo esteso nella loro giungla. Rekkles passa a Corki (6/1/14), e riesce a gestire abilmente la botlane avversaria, nonostante il marcato roaming del suo support, cedendo il minimo possibile ai Lucian e Nautilus di Jeskla e Mystiques (8/6/3 e 1/6/6). Hylissang e Broxah sono poi decisivi nel garantire alla Cassiopeia di Nemesis una fase di corsia più sicura possibile contro lo Yasuo di Mickey (rispettivamente 6/2/10 e 2/3/4). Proprio il midlaner coreano con il suo Reietto permette agli XL di resistere nelle fasi centrali con alcune prodezze meccaniche in inferiorità numerica, mentre un Bwipo finora isolato sul suo Gangplank (8/4/10 conclusivo, a fronte di un Expect 0/4/6 su Aatrox, spesso infastidito dalla presenza del solito Hylissang anche in corsia superiore) inizia a mettere giù una quantità mostruosa di danni. Proprio lo scaling dei Fnatic risulterà alla fine decisivo, complici anche degli Excel trovati spesso fuori posizione e isolati. GG FNC.

Splyce – Origen
Buona partenza Origen, con Kold che sfrutta la priorità acquisita da Alphari (Karma, 1/2/2) per imporsi con il suo Lee Sin (3/4/2 conclusivo) ai danni di un Gangplank inizialmente in difficoltà per Vizicsacsi (2/1/9 finale). Il vantaggio acquisito dal jungler degli spagnoli dovrebbe assicurare sicurezza al suo toplaner, per poi concentrarsi da dopo livello 6 sulla corsia inferiore con l’aiuto di Nukeduck su Twisted Fate (1/2/0) per far ottenere risorse a Varus e Tahm Kench di Patrik e Mithy (3/4/4 e 0/5/6) e bloccare lo scaling di Upset con Kai’Sa (2/2/5). Humanoid e Xerxe però decidono di iniziare ad imporsi con l’accoppiata Akali-Qyiana, con il midlaner capace di un’esecuzione veramente impeccabile sia offensivamente che difensivamente (chiudendo 7/1/7), mentre il suo jungler permette ai suoi di riottenere controllo di mappa (3/2/10 per lui). Il midgame delle vipere è semplicemente ingestibile e riescono a chiudere la partita in 30′, allontanando sempre di più le speranze di playoff dei runner-up dello scorso Split. GG SPY.

G2 Esports – Rogue
I Rogue hanno tanto da sperare in questa partita contro i primi della classe, e riescono anche a scendere con il piglio giusto sulla Landa, trovando buone risorse nella fase di early to mid game, storicamente la migliore per questi G2, con una buona prestazione di Inspired e Vander, presenti su tutta la mappa con Elise e Pyke (2/5/5 e 3/4/5, con il 100% di kill partecipation per il supporto). I samurai spagnoli riescono però a stallare la partita nella loro fase peggiore e a concentrarsi sui pick isolati che la loro composizione gli permette di sfruttare, con il potenziale di uccisione immenso di Akali e Qyiana (per Wunder e Caps, 7/0/5 e 12/4/4), insieme ad una Sejuani eccellente già dalle prime fasi di partita per Jankos (2/0/9) ed un MikyX capace di essere sempre al posto giusto al momento giusto con Tahm Kench per salvare gli alleati (0/3/7). Larssen fatica a trovare risorse su Renekton (1/6/2), così come Woolite su Kai’Sa (0/6/4) e i G2 riescono a portarsi a casa una partita veloce ma non troppo facile. GG G2.

Rispondi