Hearthstone, approfondimento su Battlegrounds 4/5 : Il late game!

-

SEGUICI ANCHE SU TWITCH!

Eccoci alla quarta parte della mia personale guida di Battlegrounds! Vedremo oggi come affrontare il late game, le fasi finali di una partita!

 

Innanzitutto cominciamo, come sempre, con il definire precisamente di quale fase della partita stiamo parlando: con late game infatti intendo quella fase della partita in cui un paio o addirittura una singola sconfitta può portare alla morte diretta (per fortuna non nostra ma solo del nostro eroe), un po’ perchè i danni ricevuti saranno spesso dai 11-12 (taverna 5-6 + pezzo tier6 rimasto vivo) ai 20, sia perchè le nostre vite saranno comunque state rosicchiate qua e là fino ad un range di punti vita che ci mette in serio pericolo in caso appunto di sconfitta.

Ormai in questa fase della partita la direzione da prendere è già stata decisa, e qualunque essa sia, sappiate che ormai è troppo tardi per improvvisi ripensamenti. L’unica eccezione è trovare brann + due murloc tidehunter, che vi permettono da soli di fare una tripla del token da essi generati e trovare megasauro, generando quindi “all’improvviso” una board piena di murloc divine shield e poison, una build il cui unico match up negativo è token demons (se iniziata e chiusa in un solo turno i vostri murloc potranno anche avere scudo divino e veleno, ma la bassissima salute li rende dei target perfetti per il soul juggler avversario. Chiaramente se eravate murloc dall’inizio della partita ed avete avuto modo di buffare la loro salute beh, allora è tutto un altro discorso).

 

Detto ciò, il pezzo di tier6 più forte in assoluto è…di nuovo, un murloc:

Questo ragazzaccio è forte già di per sè, potendo infliggere 8 danni come minimo 2 volte e potendosi inserire tranquillamente in tantissime comp diverse (murloc, divine shields, mech, managerie), ma è ottenendo veleno con toxfin che diventa semplicemente il minion più minaccioso dell’intero gioco.

In questa piccola classifica intera tra i vari minion di tier6, come potete vedere infatti ho messo in testa: mackerel e megasauro (come già spiegato), foe reaper (inutile spiegare perchè fare danni adiacenti sia così forte) e kalecgos, che se trovato in midgame garantisce praticamente delle win automatiche (in quanto non trovare battlecry è veramente, veramente difficile, inoltre non importa trovare dei draghi particolari ma basta veramente avere un QUALSIASI drago…a renderlo forte ci penserà appunto kalegcos stesso).

A seconda di quali siano i vostri 1-2 avversari finali, tenete sempre a mente che alcuni minion funzionano meglio contro determinate comp: zapp è ottimo contro deathrattle, bestie e demoni mentre maexna lo è contro draghi, bestie e big demons (è inoltre discreta vs managerie, che potrebbe presentare minion grossi con divine shield ma anche no).

Da questa considerazione potete capire bene perchè nel precedente articoli avevo additato bestie e demoni come le comp peggiori: sono facilmente counterabili grazie ai minion appena citati, ed inoltre grazie a loro posso introdurre un altro concetto, quella di composizione “con un limite” piuttosto che “infinita”.

Il grande pregio delle comp migliori del momento è infatti quello di permettere un potenziamento continuo ed illimitato di turno in turno: managerie finisce tipicamente con 4-5 pezzi grossi, uno tra brann ed enforcer (quest’ultimo dorato magari) ed un settimo slot che viene tenuto libero per ruotare battlecry che buffano. Stessa identica cosa succede con le build draghi, che se hanno kalecgos possono contare su di lui per dei buff potenzialmente infiniti (build tipica: 5 draghi + nadine + slot libero) e sull’ingrossamento costante di razorgore. Giocano praticamente allo stesso modo i murloc, con 5 murloc fissi + brann + slot libero.

Purtroppo composizioni come bestie, demoni e deathrattle una volta triplati i loro pezzi chiave non migliorano però ulteriormente in nessun modo: se avete la fortuna di trovare piuttosto in fretta questi pezzi rimangono comunque build potenzialmente vittoriose, in quanto possono chiudere la partita in fretta prima che le altre build abbiano la possibilità di buffarsi abbastanza da sopraffarle.

Nel mezzo troviamo le build divine shield/mech (mech puro praticamente non esiste) : anche questa build scala poco e niente una volta trovati i suoi pezzi chiave, ma è leggermente favorita rispetto alle peggiori build sopracitate per due motivi: mackarel con veleno può da solo farvi vincere nonostante la presenza tra le vostre fila di pezzi infinitamente più piccoli di quelli avversari, inoltre si chiude molto più in fretta in quanto tutti i pezzi chiave (a parte mackarel stesso) sono a tier4, ed ha quindi il grosso vantaggio di poter NON livellare a 5 fino a quando non trova una tripla (a quel punto è cosa buona e giusta livellare prima di chiudere la tripla,così da avere un discover di tier6 e sperare in foe reaper ma sopratutto, ovviamente, holy mackerel).

Una raccomandazione finale, valida per tutte le situazione e composizioni possibili: non abbiate paura di rollare. Al contrario dell’early game dove non si rolla praticamente mai, o del mid game dove si cerca spesso di comprare minimo 2-3 pezzi a turno per migliorarsi sempre, anche di poco, piuttosto che trovare un pezzo specifico…beh, se siete a taverna 5 ma sopratutto a taverna 6 multipli roll alla ricerca di pezzi che aumenterebbero esponenzialmente la forza delle vostre build (makerel, megasauro, nadine, apprentice, imp mama, mama bear) o che risultano particolarmente efficaci contro il vostro avversario finale (zapp e maexna) saranno all’ordine della normalità. In molte situazioni capita che l’eventualità di trovare un pezzo specifico sia un rischio da prendersi, piuttosto che continuare a buffare marginalmente la propria board.

Per oggi chiudiamo qui, risintonizzatevi su questi lidi settimana prossima per l’articolo finale, nel quale parleremo dell’importanza del positioning, del riconoscere quando sia il momento giusto per livellare la taverna o meno e porterò anche qualche screenshot di situazioni molto particolari, direttamente dalle mie partite!

 

 

 

 

- Advertisement -

Ricordati di passare a trovarci nella nostra community TELEGRAM e sul nostro canale YOUTUBE promosso da Top Games, non perderti nemmeno una notizia e diventa un nostro sostenitore, basta un like e un’iscrizione al CANALE!

Sempre con i nostri lettori!

Ricordati di passare a trovarci nella nostra community TELEGRAM e sul nostro canale YOUTUBE promosso da Top Games, non perderti nemmeno una notizia e diventa un nostro sostenitore, basta un like e un’iscrizione al CANALE!

Sponsored By

Ollo Store - F1

Ultimi post

DESTINY 2 ▶️ SIAMO I BETA TESTER PAGANTI PER TUTTE LE INVENZIONI DI BUNGIE ▶️ TALKING ABOUT

DESTINY 2 SIAMO I BETA TESTER PAGANTI PER TUTTE LE INVENZIONI DI BUNGIE TALKING ABOUT Bungie ci sta usando come beta tester paganti, l’assurdità è che Bungie non ci sta trattando come tali.Succedono cose, succedono assurdità e non possiamo fare mica tanto per evitarlo…cosa facciamo? PER ACQUISTARE VALUTA DI GIOCO SCONTATA: https://bit.ly/TopGmes-Aoeah Giocate per divertirvi…

Film Gennaio 2022 Netflix

Cosa vedere su Netflix questo primo anno del 2022 ? andiamo a vedere Film gennaio 2022 Netflix Nessuno come noi -1 Gennaio Love etc -1 Gennaio Passengers – Mistero ad alta quota -1 Gennaio Percy -1 Gennaio The reader – A voce alta -1 Gennaio Sicario -1 Gennaio Bad Boys For Life -3 Gennaio Doctor…

Chainsaw Man 3-6, la videorecensione

Abbiamo recensito per voi i numeri dal terzo al sesto di Chainsaw Man, serie manga scritta e disegnata da Tatsuki Fujimoto L'articolo Chainsaw Man 3-6, la videorecensione proviene da Fumetti - BadTaste.it.

Forspoken, il nostro primo contatto con Frey Holland e il mondo di Athia | Anteprima

Negli scorsi giorni abbiamo avuto occasione di sbirciare oltre il velo dello sviluppo di Forspoken, GDR d'azione in uscita il prossimo anno L'articolo Forspoken, il nostro primo contatto con Frey Holland e il mondo di Athia | Anteprima proviene da Videogiochi - BadTaste.it.

Microsoft con 70 miliardi di dollari manda a casa i competitor

La storia di Microsoft nelle console wars ha tutto quel sapore dei film anni 80, dove il nerd ha la sua rivincita sui bulli e finisce per diventare un’eroe che rimarrà nella storia. Peccato però che non tutti la pensino così, e anzi per certi versi sembra più la storia di Jhonny Lawrence prima dell’uscita…

categorie popolari

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Articolo PrecedenteCome finisce Dark Souls 3
Articolo SuccessivoChe cos’è OldOak?

LE Nostre guideShhhh è un segreto!
Non perderti nemmeno una delle nostre guide!

Pokemon Verde Foglia: (monoerba) Pt8 Settipelago e Sabrina

Presa la medaglia da Blaine, veniamo letteralmente rapiti da Bill che ci costringe a seguirlo al settipelago.Si tratta di un nuovo set di isole esclusive di questa versione del gioco e che non erano presenti nelle versioni originali di Pokemon Rosso/Blu/Verde/Giallo.Per proseguire la storia dovremmo esplorare le prime 3 isole e risolvere una specie di…

Dragon Quest 1 NES – Pt.2 Garinham

Eravamo rimasti ai pipistrelli e fantasmi.I 2 nuovi nemici non sono troppo forti ma sanno essere pallosi, in particolare i fantasmi richiedono tra i 3 e 4 colpi per essere uccisi.(Magari evitateli fino a che non salite al livello 4)Farmiamo un’altro pochetto, quel tanto che serve per riuscire finalmente a completare l’equipaggiamento base.Ora abbiamo una…

Dragon Quest 1 NES: Pt.3 Kol

In questa parte della “guida” (non è una vera guida ma più un let’s play per divertirci) ci dedichiamo al farming, tanto c’è poco da fare, bisogna livellare un pò altrimenti proseguire diventa impossibile.Nell’area circostante troveremo dei Magidrakee, sarebbero i pipistrelli rossi, la versione più forte dei pipistrelli base.A dire il vero forse sono anche…

Pokemon Verde Foglia: (monoerba) Pt.5 Erika e Torre Pokemon

Eravamo arrivati al covo Rocket collegato al casinò di Azzurropoli.Come “dungeon” non è troppo complicato, gli allenatori sono abbastanza debolucci e tutti con i classici pokemon da Team Rocket (Ekans, Koffing, Rattata, Zubat, Grimer)L’unica parte in cui bisogna accendere un minimo (ma proprio un minimo eh) il cervello è quella dei pannelli rotanti.Arriviamo davanti al…